Palazzo San Teodoro - Museo Realta Virtuale - Prenotazioni

Casa Museo - Palazzo San Teodoro Experience - Napoli

  • Neoclassicismo
  • Stile
  • Storia
  • Percorso museale
  • Welcome team

Le riscoperte dell’antichità classica rivivono a Palazzo San Teodoro

L'interno della dimora Palazzo San Teodoro è decorato con pregevoli stucchi e dipinti che rimandano alle decorazioni delle domus pompeiane da poco riscoperte e rivisitate in chiave neoclassica come imponeva la moda aristocratica dell'epoca, che celebrava la ricchezza degli antichi casati nobiliari.

Gli ambienti sono rimasti intatti e il mobilio e l'arredo ricordano la magnificenza delle maestranze artigiane che servivano i Borbone sul finire del 700.

Guglielmo Bechi, giovane archeologo e architetto toscano chiamato a Napoli a lavorare alla corte ricevette l’incarico di realizzare questo prezioso gioiello incastonato nella cornice dello splendido quartiere Chiaia divenuto parte della città ad opera del progetto di riqualificazione voluto dai sovrani.

Nel 1851, il Bechi stesso divenne il direttore dei lavori di Pompei.

L’arte neoclassica a Napoli guarda Pompei

Squisitamente neoclassico lo stile della dimora storica napoletana di inizi 800 che, anche nella facciata esterna in rosso pompeiano, lunga e bassa, conserva intatta la struttura originaria.

Dal piano terra sino al secondo ritroviamo, al centro del corpo di fabbrica, coppie di colonne realizzate nello stile ionico dorico e corinzio.

Originalissima l’esecuzione dei loggiati del primo e secondo piano che nella parte centrale hanno ampie portefinestre realizzate in ferro e vetro. Un’imponente scalinata in marmo bianco si intravede già dal portico, collega il piano terra al primo piano nobile dedicato alle feste.

Numerosi e ricchi sono i rimandi a Pompei, dal contrasto cromatico degli esterni della facciata ai meravigliosi affreschi che decorano le sale interne sapientemente dipinte dal Bechi e dai suoi collaboratori, che riprendono le domus pompeiane e rappresentazioni rare di personaggi della mitologia al femminile.

Palazzo San Teodoro, la villa Reale e i Borbone di Napoli

Palazzo Caracciolo di San Teodoro è un edificio monumentale di Napoli, ubicato in Riviera di Chiaia ed edificato nel XIX secolo un capolavoro dell’arte realizzato su progetto del noto architetto toscano Guglielmo Bechi, a seguito dell’operazione di riqualificazione urbana voluta da Carlo III di Borbone, il quale iniziò ad interpretare il paesaggio con occhi diversi, ponendo il confronto tra paesaggio urbano e rurale.

Il Re intuì il grande valore dei parchi, in termini di prestigio e di volano per l’economia, e volle realizzare la Villa Reale, destinata al “Real passeggio”.

L’ingresso in Villa era vietato a tutta la popolazione fino al 1860 quando, aperti i suoi cancelli divenne il primo giardino pubblico della città.
Grazie alla riqualificazione l’attuale quartiere di Chiaia, prima considerata extra moenia, diventa il fulcro della nobiltà partenopea, nonché luogo prediletto in cui vivere.
Sorgono gli imponenti palazzi nobiliari che ancora oggi dominano e rendono lustro alla Riviera, con i loro portoni in legno e corti interne ricche di storie antiche e di meraviglie ancora da scoprire.

Nei pressi dell’ingresso principale della Villa Reale sorge Palazzo San Teodoro.

L’imponente facciata rosso pompeiano e le luminose vetrate, che lasciano trapelare i ricchi decori floreali alle pareti, rimandano a Pompei e ad un’epoca lontana, ricca e sfavillante.

E se vi dicessimo che oggi è possibile rivivere quegli antichi splendori?! Nel percorso museale a palazzo la realtà virtuale grazie agli Oculus gear vr vi riporterà alla Napoli borbonica.

La realtà virtuale caratterizza il percorso museale

Il percorso museale e la realtà virtuale, tratto distintivo del museo, hanno dato vita ad un nuovo ed innovativo modello di fruizione museale.
Venire in visita alla casa museo Palazzo San Teodoro Experience sarà un’esperienza diversa sin dall’inizio!

Ad accogliervi e per tutta la durata del tour ci saranno sempre: il nostro Welcome Team e l’unica guida del Palazzo: la dama virtuale che, presente in tutti i totem, fornirà informazioni sul periodo storico artistico, sulle sale e interessanti vicende dei personaggi che hanno vissuto in questa dimora. Il tour ha due momenti dedicati alla realtà virtuale immersiva che vi riporteranno, grazie agli Oculus Gear VR di Samsung, al tempo dei Borbone: in galleria ci ritroveremo nella Napoli del Gran Tour sapientemente descritta da Alexandre Dumas e nel Salone della Musica a Pompei, mediante l’architettura ed il supporto delle decorazioni con suggestioni neopompeiane realizzate dal Bechi.

Viaggiare nel tempo, che esperienza!

Il nostro servizio mira ad aumentare l’esperienza di un viaggio attraverso il tempo e a coccolare i nostri ospiti.

Giunti alla casa museo sarete affidati al welcome team che, con esperienza e conoscenza vi condurrà alla scoperta delle sale e sarà con voi per fruire al meglio dell’EXPERIENCE.